Archivi del mese: gennaio 2009

I reality e la realtà

E’ curioso che alcuni programmi televisivi degli ultimi anni, fra l’altro fra i più visti in assoluto, si chiamino “tecnicamente” REALITY…

Se osserviamo criticamente alcuni minuti di queste trasmissioni, notiamo che di tutto si tratta, tranne che di REALTA’ (tradotto in lingua italiana dovrebbe significare questo, o no?): ad esempio, una ventina di ragazzi chiusi per giorni e giorni in una casa; ma dove è realtà? Speravo che nella realtà i ragazzi si incontrassero sì, ma non sempre nella stessa casa, e sempre loro stessi, e che tramassero per estromettersi a vicenda…se questa è la realtà, non mi piace (senza pensare che nella realtà – almeno quella che conosco io – non sono tutti con un fisico perfetto e tutti cretini…).

Credo che la realtà, quella VERA, sia più in alcune parole scritte da Anna Petrozzi su ANTIMAFIA DUEMILA, un sito molto interessante di informazione indipendente:

“(…)Innanzitutto spegniamo la Tv, il “braccio armato” del potere, che non ha più nemmeno bisogno della mafia e delle bombe, giacché le basta qualche puntata piccante dell’ultimo reality per eliminare nella distrazione generale i nuovi Paolo Borsellino. E informiamoci, sulla rete fino a che ci sarà permesso, confrontiamo le notizie, cerchiamo le fonti originali. Certo questo implica maggiore sforzo che stare seduti in poltrona a farsi bombardare di falsità e inebetire con gli specchietti colorati, ma è in gioco il futuro dei nostri figli, dei nostri nipoti. 

Occorre una rapida inversione di rotta. Nel nostro stile di vita passivo ed egoista per cui siamo disposti a venderci di tutto pur di mantenerlo, anche la nostra dignità di persone.
Non basta protestare.
E’ tempo di sapere, è tempo di scegliere, è tempo di cambiare.”

Consiglio di leggere tutto il testo, che si riferisce alle ultime vergognose vicende sui provvedimenti nei confronti di alcuni magistrati, fra cui Apicella e De Magistris, ma anche di Gioacchino Genchi, solo ultimi esempi di una nuova strategia per imbavagliare chi vuole avvicinarsi alla verità…pardon: alla REALTA’.

Annunci

Cos’è l’impegno civile?!

"Un mare di bottiglie" by Francesca (manuzza)

"Un mare di bottiglie" by Francesca (manuzza)

Non so voi, ma a me è capitato tante volte di lamentarmi (nello specifico di questo blog, ad esempio dell’ignavia dei nostri vigili urbani, oppure dei posteggiatori che chiedono una sorta di pizzo con la minaccia – palese o sottintesa – di danneggiarci la macchina). Credo che lamentarsi faccia parte di noi, in fondo siamo solo persone, fragili e spesso prese da così tante cose che accumuliamo tantissimo stress (spesso evitabile…); ma se il lamentarci della nostra Palermo, da un lato ci fa “sfogare”, dall’altro non credo che basti a migliorarla…Ecco perchè parlo di impegno civile (so che sembrano paroloni, ma non lo sono, ci hanno solo abituato così…): penso che una parte dell’impegno civile in questo caso sia la cosiddetta “educazione civica” (così era chiamata quando facevo la scuola media…), che poi è semplicemente imparare e abituarsi al rispetto per il posto in cui viviamo, oltre che per noi stessi e per le persone che conosciamo; insomma, immaginare che fuori di casa appartenga un pezzettino anche a noi, ma non solo a noi; per fare un esempio, quando siamo in casa credo (spero!) che nessuno di noi butti tutto sul pavimento anzichè nella pattumiera, o si diverta a buttare (se fuma) i mozziconi delle sigarette sulla terra del bellissimo ibiscus che abbiamo in balcone…Non credete che se ognuno di noi iniziasse con l’applicare questa semplice e automatica abitudine (ci si può abituare anche a cose utili e belle) anche fuori di casa, oltre che (giustamente) lamentarci, potremmo almeno pensare che qualcosa può migliorare, e addirittura grazie a noi? Quanti di noi si “comportano bene” sia a casa che sul marciapiede? So che questa è solo una piccola parte dell’impegno civile, ma se non iniziamo…

Auguri a…Palermo!!!

Antica Focacceria San Francesco, Palermo (by Ai@ce)

Antica Focacceria San Francesco, Palermo (by Ai@ce)

Buon 2009 a tutti!

Buon 2009 a Palermo, a questa ex città simbolo del Mediterraneo, ora penultima in Italia nelle statistiche sulla qualità della vita…                                                                                                                                 Buon anno  alla Palermo con i posteggiatori che chiedono il PIZZO ovunque, persino allo stadio davanti ai Vigili Urbani che li guardano imbambolati…                                                                                   Buon anno ai fratelli Conticello, che con ENORME coraggio hanno sfidato il CANCRO della nostra splendida terra, ribellandosi alla Mafia; e con e dopo di loro tanti altri, e sempre di più, per riprenderci ciò che è sempre stato nostro…                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Buon anno alla Professoressa Alessandra Dino, che insieme ad altri e con la collaborazione della Associazione Nazionale Magistrati sta tenendo una serie di incontri, con enormi OSPITI (fra cui il Dottor Ingroia, il Dottor Dalla Chiesa, il Dottor Scarpinato e il Professor Tranfaglia) sotto forma di seminario:”La criminalità dei colletti bianchi”; ha svegliato la mia coscienza e spero quella di tanti altri…                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Buon anno a tutti coloro che pensano che in una città dove si tratta la cosa pubblica (i marciapiedi, le strade, le aiuole, gli alberi, gli scivoli per disabili, le strisce pedonali, i semafori, i muri, i lampioni, ecc,) con rispetto – almeno lo stesso che abbiamo per casa nostra –  non c’è posto per COSA NOSTRA…                                                                                                                                                               Buon anno anche a coloro che pensano che l’arroganza debba diventare un atteggiamento “fuori moda”, che denota grande insicurezza in chi la usa o la porta, e che provoca dolore a chi la subisce…Buon anno ai quei pochi coraggiosi (o nullafacenti?!) e affettuosi lettori, che hanno avuto l'”ardire” di seguire un comune cittadino che vorrebbe una città del Sud, come Palermo, bella e calorosa come una città del Sud, ma funzionante come Londra, aperta come Rio de Janeiro e ricca come Zurigo…                                                                                                                                                                Buon anno anche a me, che a 41 anni suonati trovo le parole e la motivazione per battere i polpastrelli così tante volte sulla tastiera del Mac, non per soldi o successo, ma per tentare di realizzare un obbiettivo: muovere la coscienza di tutti noi, verso una Palermo di cui possiamo andare orgogliosi in giro per il mondo…!