Archivi del mese: aprile 2009

Al peggio non c’è fine…

Penserete che voglia parlare della cosiddetta “febbre suina”, che già in Messico ha provocato morte e psicosi; o delle candidature dei partiti italiani alle elezioni europee, con la sua sfilata di veline, letteronze e spiaggiati dell’isola dei famosi…No.

Invece mi ha colpito una grande idea di Diego Cammarata, sindaco evanescente e mondano di Palermo: la municipalizzata per la nettezza urbana palermitana, l’AMIA, ha un bilancio disastroso; già il governo nazionale ha “sganciato” ben 80 milioni di euro per ricapitalizzarla, ma evidentemente questi spiccioli non sono bastati…E allora, ecco la genialata di Cammarata (che rima!!!): aumentare (per l’ennesima volta) la tassa sui rifiuti (TARSU), in una misura che viene valutata intorno al 30 per cento! Bene! Così verrà (forse) salvata la testa del manager della municipalizzata, ma i palermitani si troveranno mediamente 50/60 euro in tasca in meno in un anno! Certo, ancora la disposizione non è approvata, ma la delibera è all’ordine del giorno per domani, anche perchè la scadenza per approvarla è il 30 aprile, prima dell’approvazione del bilancio di previsione 2009. Io ho l’impressione che verrà approvata, e tu?

cattedrale © Copyright 2009 Grisanti S.

cattedrale © Copyright 2009 Grisanti S.

Annunci

Il cancro

Il terremoto abruzzese – che peraltro continua – ha scatenato e scatena anche effetti di altri tipi, oltre alla strage, ai danni, alle polemiche, alle strumentalizzazioni e alla corsa agli ascolti in tv (a colpi di lacrime e cattivo gusto, a volte): mi viene in mente la “gara” di solidarietà, tutta italiana; tantissimi volontari sono accorsi subito in zona, la Protezione Civile si è attivata direi bene e velocemente, anche Berlusconi ha fatto il suo dovere, stando anche fisicamente vicino alla popolazione. Certo, ci sono disfunzioni, ma sono passati pochi giorni e non si può pretendere (almeno in Italia) che tutto funzioni perfettamente e da subito. Faccio i miei complimenti a volontari, Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, Vigili Urbani, Cani cercapersone e tutti gli altri che in questi giorni hanno dato l’anima per il prossimo.

Però, mi chiedo: quale sarebbe il VERO salto di qualità? Credo che una reale novità sarebbe che i responsabili della costruzione degli edifici crollati pagassero (intendo anche le amministrazioni che concedono autorizzazioni pur essendo consapevoli che qualcosa non va); già più volte in questi giorni ho sentito dire che siamo tutti responsabili, e non lo tollero: è già successo per altre sciagure che queste osservazioni scivolassero verso un perdono generale…E la ricostruzione? Com’è andata nei casi precedenti? Quante promesse a vanvera sono state fatte? Spero che questa volta l’Italia si dimostri più seria e coerente…

E mi chiedo (e vi invito a fare altrettanto): se succedesse ad esempio a Palermo (dove vivo), quante case crollerebbero? E quelle costruite negli anni del “sacco di Palermo”? Perchè non ammettere che in Italia, a causa della corruzione, vengono spesso affidati gli appalti edili a ditte molto “potenti”, che poi subappaltano l’opera a piccole ditte “segnalate” che lavorano con materiali volutamente scadenti per risparmiare, non vengono rispettate le norme antisismiche e magari la manodopera è pagata in nero ed è senza garanzie contro gli infortuni? Pensateci: senza la corruzione si risolverebbero un mucchio di problemi in un colpo solo: la criminalità organizzata avrebbe meno soldi e meno potere, la collusione da parte dei politici diminuirebbe di colpo, e coloro che si presentano alle elezioni lo farebbero perlopiù per valori morali e non per interessi personali; e morirebbe anche meno gente. 

In bocca al lupo, gente fiera degli Abruzzi!!! L’Italia PER BENE è con voi!

 

Fontana delle 99 cannelle (by Luigig)

Fontana delle 99 cannelle (by Luigig)

Diamo una mano!

La mia più profonda vicinanza alle persone che sono nel dramma abruzzese di queste ore.

Credo sia giusto – e invito gli altri amministratori di blog (che ancora non l’avessero fatto) a continuare a pubblicare gli appelli per gli aiuti per il terremoto. Grazie!

EMERGENZA TERREMOTO: NUMERI E LINK (DIFFONDETE IL PIU’ POSSIBILE)

Per offrire disponibilità di alloggio: l’UDU sta cercando posti letto telefonare allo 06.43411763 o scrivere a organizzazione@udu.it 

Per volontari da tutta Italia: telefonare alla protezione civile nazionale 06.68201 

Per volontari da Pescara: telefonare al Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara 085.2057627 

Per donare il sangue in Abruzzo: rivolgersi presso gli ospedali, per Pescara: Dipartimento di Medicina Trasfusionale PO “Spirito Santo” via Fonte Romana 8 – tel. 085.4252687 

Per donare il sangue dal tutta Italia: rivolgersi presso le strutture dell’Avis più vicine: [www.avis.it

Per fare donazioni: Raccolta fondi Croce Rossa Italiana: Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso BNL – roma, intestato a CRI, codice Iban IT66 – C010 0503 3820 0000 0218020, causale: pro terremoto Abruzzo; Conto corrente postale n. 300004 intestato a CRI causale: pro terremoto Abruzzo; Versamenti on line sul sito: http://www.cri.it/donazioni.html 

Per enti locali e associazioni di volontariato, comitati, gruppi organizzati: è possibile attivarsi da subito con i corpi locali di protezione civile, con la associazioni prendendo contatti con i coordinamenti regionali, c’è bisogno di medici, tende, coperte, cibo e supporto logistico. Per informarsi: Dipartimento della Protezione Civile 06.68201

Isteria contro buon senso

Dopo i brutti incidenti avvenuti nei giorni scorsi in Sicilia, nella provincia di Ragusa, che hanno provocato la morte di un bambino e il grave ferimento di una turista tedesca da parte di cani randagi, c’è stata un’altrettanto brutta reazione – del tutto emotiva, priva di un seppur minimo barlume di lucidità e umanità – : alcuni abitanti della zona (a quanto pare, soprattutto cacciatori), fomentati dagli allarmati annunci televisivi, hanno fatto strage di cani, con veleno o direttamente sparandogli.  

Ieri, i cani scampati alla strage (14, 4 adulti e 10 cuccioli) sono stati imbarcati su un aereo e trasferiti a Milano per essere adottati da famiglie della zona; gli autori sono i volontari dell’Oipa, associazione presente anche sul territorio ragusano.

La mia riflessione è molto semplice: a prescindere che nessuna delle due è un’azione risolutiva del problema (le istituzioni locali si dovrebbero fare carico di attuare le contromisure al randagismo, ad esempio la sterilizzazione), mi sa che una delle due azioni è da Paese (e persone) civile e intelligente (addirittura prende “due piccioni con una fava”); ma l’altra? Ha un senso? Ha risolto il problema? Ho l’impressione che alcune persone abbiano troppa facilità ad affrontare i problemi con l’arroganza e la violenza. Pensiamoci: cos’hanno concluso questi “buontemponi”? Si sentono meglio? E se un bel giorno i telegiornali parlassero di uno stupro fatto in quella zona? Magari da un (randagio) non italiano? Magari clandestino? Come reagirebbero? 

Detto questo, mi sento di fare i miei complimenti ai volontari dell’Oipa; onestamente, questa notizia – fra le mille notizie orribili della giornata – mi ha aiutato a mantenere un po’ di speranza per…la razza umana…

neighbor dog by freeparking

neighbor dog by freeparking