Isteria contro buon senso

Dopo i brutti incidenti avvenuti nei giorni scorsi in Sicilia, nella provincia di Ragusa, che hanno provocato la morte di un bambino e il grave ferimento di una turista tedesca da parte di cani randagi, c’è stata un’altrettanto brutta reazione – del tutto emotiva, priva di un seppur minimo barlume di lucidità e umanità – : alcuni abitanti della zona (a quanto pare, soprattutto cacciatori), fomentati dagli allarmati annunci televisivi, hanno fatto strage di cani, con veleno o direttamente sparandogli.  

Ieri, i cani scampati alla strage (14, 4 adulti e 10 cuccioli) sono stati imbarcati su un aereo e trasferiti a Milano per essere adottati da famiglie della zona; gli autori sono i volontari dell’Oipa, associazione presente anche sul territorio ragusano.

La mia riflessione è molto semplice: a prescindere che nessuna delle due è un’azione risolutiva del problema (le istituzioni locali si dovrebbero fare carico di attuare le contromisure al randagismo, ad esempio la sterilizzazione), mi sa che una delle due azioni è da Paese (e persone) civile e intelligente (addirittura prende “due piccioni con una fava”); ma l’altra? Ha un senso? Ha risolto il problema? Ho l’impressione che alcune persone abbiano troppa facilità ad affrontare i problemi con l’arroganza e la violenza. Pensiamoci: cos’hanno concluso questi “buontemponi”? Si sentono meglio? E se un bel giorno i telegiornali parlassero di uno stupro fatto in quella zona? Magari da un (randagio) non italiano? Magari clandestino? Come reagirebbero? 

Detto questo, mi sento di fare i miei complimenti ai volontari dell’Oipa; onestamente, questa notizia – fra le mille notizie orribili della giornata – mi ha aiutato a mantenere un po’ di speranza per…la razza umana…

neighbor dog by freeparking

neighbor dog by freeparking

Annunci

Una risposta a “Isteria contro buon senso

  1. Può sembrare assurdo ma cinofilia e cinismo hanno la stessa radice solo che nel primo caso ci riferisce ai cani intesi come razza del mondo animale, mentre nel secondo si utilizza perchè Diogene era soprannominato “cane” in senso dispregiativo, lui e i suoi seguaci, infatti, “professavano una vita randagia e autonoma, indifferente ai bisogni e fedele al rigore morale”.
    Sarà, forse, proprio il cinismo in quanto sfrenato individualismo, ai limiti della supposta autosufficienza di ognuno di noi, che provoca comportamenti così “bastardi”?

    (“”) Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...